Pentalogo per gli editori sul web

Sono stata al Festival del giornalismo di Perugia e mi sono divertita. Molta energia, molti ragazzi, molto entusiasmo. Per chi fa questo mestiere da anni, a volte stancamente, spesso senza alcuna emozione, confrontandosi con tematiche sindacali, anacronismi, resistenze al cambiamento, è incredibile pensare che 200 giovani siano arrivati a Perugia come volontari, per seguire gli eventi e aiutare gli organizzatori. Per la cronaca, qui c’è una breve intervista a una delle organizzatrici, Arianna Ciccone.
Io invece volevo proseguire dicendo le solite vecchie cose, banalità che ripeto da una vita. Perché quando mi è capitato e mi capita di fare workshop per i giornalisti della carta stampata che vogliono prendere confidenza con il web, i discorsi sono sempre quelli. Non c’è budget. Non c’è staff. Non ci sono strategie. Si naviga a vista. Ora, io non voglio difendere la categoria; non lo faccio quasi mai. E sono certa che molte lentezze, molte incertezze, molti insuccessi del giornalismo digitale in Italia siano dovuti anche alle resistenze, chiamiamole culturali, di una larga parte di giornalisti abituati alla carta, ai privilegi acquisiti di un contratto che non ha eguali, a un certo modo di lavorare radicato nei decenni; però se il cambiamento non inizia in maniera forte e inequivocabile da chi sta in cima, sarà molto difficile che chi sta sotto lo recepisca e lo faccia suo.

Quindi, ecco cosa avrei detto agli editori online.

1) Pagate chi lavora per voi. Parafrasando il noto detto, si può far lavorare gratis qualcuno a lungo o tutti in un breve periodo; non tutti per sempre. La qualità si paga, online come su carta. Chi scrive vive di firma, così come l’idraulico vive di sifoni sostituiti. Pagate l’idraulico, pagate chi scrive. Se non potete permettervi di sbagliare un’assunzione o un contratto, proponete delle brevi prove, un rimborso spese, quello che volete; poi, finito il breve periodo, prendete una decisione: o fuori o dentro. Ancora, per chi “fa il budget”: vi rendete conto che non ha senso pagare migliaia di euro per la progettazione di un contenitore e due castagne e un fico secco per chi questo contenitore lo dovrà, appunto, riempire di contenuti?

2) Non riempite le redazioni online di dinosauri. Lo so bene; come in tutti gli altri settori, ci sono persone che lavorano alla grande e altre che scaldano la sedia. Ed è difficile recuperarle e reinserirle nel processo produttivo. Forse nelle redazioni ancora un po’ più difficile che altrove. Non è un buon motivo però per infarcire le redazioni online, per chi ce l’ha, di persone stanche, demotivate, sfiduciate, che tirano alla pensione. Che piaccia o no, è quello il settore di punta, quello che nutrirà il vostro business nei prossimi anni (qualche esempio tra le decine? Qui e qui). Ha bisogno di una strategia di assunzioni mirate, fresche, brillanti, non degli scarti di altri reparti.

3) Non soffocate il lettore. Chi è così lungimirante da aver creato una vera redazione online, spesso la utilizza male. Quello che vedo sono giornalisti o editor sotto pressione per 12 ore al giorno a inserire pezzi su pezzi, rimpasti di agenzie, fotogallery su fotogallery perché le foto, si sa, fanno click. Risultato, si travolge il lettore con una marea di aggiornamenti, update, sollecitazioni a leggere pezzi subito sostituiti da altri pezzi che vanno a loro volta persi come lacrime nella pioggia. In un calderone di contenuti spesso senza una vera linea editoriale, con l’unico obbiettivo della quantità, della ricchezza dell’offerta, dell’overload. Perché non concentrarsi su poche cose ma buone? Perché non produrre vero valore? Approfondimenti, opinioni, un’informazione cesellata, per sottrazione, fatta più di no che di sì, diversa, originale? Sì, do your best and link to the rest. Fa così schifo?

4) Abbattete gli steccati. Basta con i giornalisti “carta” e “online”. E’ ovvio che chi scrive sul web sia ancora considerato il parente povero se all’interno dell’azienda la mentalità è quella. Ovvio che spesso i trasferimenti dalla carta al web siano fatti obtorto collo, con tutti i problemi di cui al punto 2). Redazioni uniche. Riunioni uniche. Evitare di duplicare gli sforzi. Sfruttare il lavoro al massimo, per la carta, per il web, per tutti i mezzi possibili. No figli e figliastri, sì famiglia allargata.

5) Dialogate, dentro e fuori. Parlate ai giornalisti, condividete le strategie per il futuro (meglio: il presente) nell’online. Troppe volte ho sentito dire: “Non sappiamo niente. Non ci dicono niente. Non sappiamo cosa verrà fatto. Non sappiamo come lavoreremo”. I cambiamenti professionali spaventano. Il silenzio aziendale, la mancanza di informazioni condivise, aumentano la paura e la chiusura verso il nuovo. Ancora: dialogate con i lettori. I social media non sono un male necessario, da sfruttare per qualche click in più, da esserci perché così fan tutti. Non sono un megafono per strillare decine di articoli e trovarsi nella stessa situazione di cui al punto 3). Sono un’immensa fonte. Un immenso focus group (gratis). Un’immensa platea per capire cosa i lettori veramente vogliono da voi, cosa apprezzano e cosa no. Non siete eccitati?

 

Qui un bell’intervento sull’argomento di Mafe De Baggis nel quale dice, fra l’altro:

Gli editori sono come quelli che vogliono dimagrire mangiando gli zuccheri. Tranne quei casi fortunati (che affolleranno i commenti) più o meno ormai lo sappiamo: se vuoi dimagrire devi vivere a pesce, carne bianca, verdura e poca frutta. Se per te senza brioche e pasta al sugo non è vita, non dimagrisci. È semplice.Per l’editoria è la stessa cosa: capire che cosa fare è molto più semplice di come ce lo raccontiamo, il problema è che nessuno sembra avere intenzione di farlo.

Infatti.

 

82 thoughts on “Pentalogo per gli editori sul web

  1. Cienfuegos, sono d’accordo anche su questo: rispondevo al punto "meglio poche notizie ma buone piuttosto che soffocare i lettori con continui aggiornamenti" di blimunda, che trovo ineccepibile a livello ideale, ma che con l’attuale modello unico di revenue (e di misurazione, ci ho una fissa su questo, un mio punto debole, non ci entro per ora) non mi sembra sostenibile.

    This comment was originally posted on FriendFeed

  2. blimunda, parlando di grandi numeri, io credo che la metrica faccia il contenuto, in tv come su web. su web si misurano pageview e ctr, e sulla base di queste misure si viene pagati dalle "concessionarie pubblicitarie"; di conseguenza si continuano a pubblicare contenuti che generino pi pageview e ctr possibili. cambiassero le metriche, cambierebbero i contenuti. @Valentina, ne avevo letto, interessante e anche traducibile in moneta, probabilmente; si richiede comunque all’utente una azione che non tutti sono disposti a compiere, di certo non tutti i possibili utenti per tutti i contenuti. anche nel caso segnalato, comunque, si finisce a fare analisi del comportamento utente ("gli utenti inoltrano via mail articoli con tematiche positive pi che negative"); se l’inoltro via email divenisse la misura ufficiale per stabilire la revenue pubblicitaria, la conseguenza sarebbe (ad esempio) un cambio di tono degli articoli, che virerebbero al tono pi "inoltrabile", e quindi pi remunerativo.

    This comment was originally posted on FriendFeed

  3. frullato, no, l’esempio serviva a dire che per editore x un giorno di progettazione di community vale 500 euro, un giorno da redattore (a partita IVA) vale 35 euro.

    This comment was originally posted on FriendFeed

  4. frullato, no, l’esempio serviva a dire che per l’editore x un giorno di progettazione di community vale 500 euro, un giorno da redattore (a partita IVA) vale 35 euro.

    This comment was originally posted on FriendFeed

  5. se non ricordo male quella ricerca dice anche, per, che si condividono contenuti "emozionali" e complessi; ipotizza anche che l’atto del condividere sia in un certo modo uno show off ("guarda come sono intelligente, guarda cosa leggo"). E in ogni caso la readership del nyt abbastanza particolare e difficilmente comparabile all’Italia. (qui tutto il pippone http://faculty.insead.edu/marketing_seminars/Seminars%202009-10/Marketing%20Camp%202010/Jonah%20Berger/Berger_Virality_paper%201.pdf). @cyb, ma certo, ovvio che, esattamente come per la carta, siano in grande misura i ricavi pubblicitari a decidere i contenuti. io on ho ricette miracolose, la vedo per come un’occasione persa, per il web.

    This comment was originally posted on FriendFeed

  6. se non ricordo male quella ricerca dice anche, per, che si condividono contenuti "emozionali" e complessi; ipotizza anche che l’atto del condividere sia in un certo modo uno show off ("guarda come sono intelligente, guarda cosa leggo"). E in ogni caso la readership del nyt abbastanza particolare e difficilmente comparabile all’Italia. (qui tutto il pippone http://faculty.insead.edu/marketing_seminars/Seminars%202009-10/Marketing%20Camp%202010/Jonah%20Berger/Berger_Virality_paper%201.pdf). @cyb, ma certo, ovvio che, esattamente come per la carta, siano in grande misura i ricavi pubblicitari a decidere i contenuti. io non ho ricette miracolose, la vedo per come un’occasione persa, per il web.

    This comment was originally posted on FriendFeed

  7. Anche tenendo conto delle ovvie differenze con un contratto continuativo esemplificativo dei diversi budget, come tante altre scelte.

    This comment was originally posted on FriendFeed

  8. ale, la mia inferenza fu/ che non escluso ci sia un lettorato (forte), targettizzabile via "long articles on intellectually challenging topics", molto pi consistente di quanto non pensiamo. nessun dubbio su che le considerazioni e le distinzioni espresse da te e da blimunda restino fondanti

    This comment was originally posted on FriendFeed

  9. ale, la mia inferenza fu/ che non escluso ci sia un lettorato forte, targettizzabile via "long articles on intellectually challenging topics", molto pi consistente di quanto non pensiamo. nessun dubbio che le considerazioni espresse da te e da blimunda siano imprescindibili e fondanti

    This comment was originally posted on FriendFeed

  10. mafe, non ho capito se ci sei o ci fai, comunque: io, da assunta in un quotidiano, scrivevo gli stessi venticinque pezzi che scrivevo da collaboratrice, e prendevo esattamente un quarto; le non poche persone che stanno a perder tempo e che hanno lavorato a radio rai possono raccontarti che un programma settimanale pagato cinque volte uno quotidiano. perch i miei articoli erano molto peggiorato o perch quelli che fanno i programmi settimanali valgono molto di pi? non sar perch io ho un budget x che investo su di te e che resta lo stesso sia che tu ci metta un giorno a fare quel lavoro sia che tu ci metta due settimane sia che io e te si decida di garantirti una pensione e quindi di investire la maggior parte di quel budget in un’assunzione?

    This comment was originally posted on FriendFeed

  11. mafe, non ho capito se ci sei o ci fai, comunque: io, da assunta in un quotidiano, scrivevo gli stessi venticinque pezzi che scrivevo da collaboratrice, e prendevo esattamente un quarto; le non poche persone che stanno a perder tempo qui e che hanno lavorato a radio rai possono raccontarti che un programma settimanale pagato cinque volte uno quotidiano. perch i miei articoli erano molto peggiorato o perch quelli che fanno i programmi settimanali valgono molto di pi? non sar perch io ho un budget x che investo su di te e che resta lo stesso sia che tu ci metta un giorno a fare quel lavoro sia che tu ci metta due settimane sia che io e te si decida di garantirti una pensione e quindi di investire la maggior parte di quel budget in un’assunzione?

    This comment was originally posted on FriendFeed

  12. aggiungerei solo, per i giornalisti: se vi offrono un corso, approfittatene. Andate anche solo a buttare il naso prima di decidere che un perdita di tempo. Spesso sono tenuti da persone in gamba :-).

    This comment was originally posted on FriendFeed

  13. il giornalismo e la scrittura non vendono e non fruttano sempre e a chiunque. i corsi di giornalismo e di scrittura, a quanto pare, s

    This comment was originally posted on FriendFeed

  14. @sdru: ti credo, ci mancherebbe. A me, per dire, non mi tolgono mai i ceppi. Dopo un po’ che m’occupavo del sito ho chiesto di fare un corso, ma prima hanno riso e poi m’han detto che se volevo prendere ferie per andarci…

    This comment was originally posted on FriendFeed

  15. ti capisco anch’io, purtroppo ho assistito anche a queste scene. C’ di buono che se sei gi online puoi trovare moltissime risorse utili

    This comment was originally posted on FriendFeed

  16. oh la prossima volta che vi vedo vi faccio un peeling con la soda caustica, basta chiedere

    This comment was originally posted on FriendFeed

  17. Oh, nel frattempo per mettere il punto su quello che diceva cyb (i volumi, la pubblicit, le cose pi lette e meno lette), vi segnalo questo che di gennaio ma io mi ero persa. la colpa del lettore-capra sul web: "lets assign the blame where it really belongs. If most Internet content is horseshit, its because most Internet users want it to be." http://techcrunch.com/2011/01/23/theres-no-i-in-tim/

    This comment was originally posted on FriendFeed

  18. Io su metriche-pubblicit-remunerazione ho scritto qualcosina che dovrebbe uscire domani, quello che dice Cyb vero, ma contemporaneamente si potrebbe anche valorizzare altro, solo che tocca cambiare interlocutori (e fare un po’ pi di fatica).

    This comment was originally posted on FriendFeed

  19. moltissimi like anche se in ritardo. ma proprio moltissimi moltissimi moltissimi.

    This comment was originally posted on FriendFeed

  20. Pingback: L’esempio di Salon: riduci i contenuti online, aumenta il traffico | Blimunda

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>