Annamaria Testa e i contenuti sul web

IMG_3904

Leggi pensosi articoli di migliaia di battute sui contenuti online: cosa funziona, cosa no, di cosa parlare, come scriverlo. Compulsi centinaia di bullet point su Slideshare, ragionati decaloghi, elabori faticose teorie, confronti, guardi, compari i dati di traffico, provi a capire, alla fine lasci perdere pensando che la ricetta per costruire dei contenuti che funzionino online non esiste, che navighiamo tutti a vista, che gattini e fanciulle scosciate a parte c’è poco di sicuro sul quale contare. E che, alla fine, la maggior parte dei siti rimarrà il gran casino che è, con innumerevoli contenuti ammassati in una pagina a soffocare l’occhio e la mente del lettore, a dare quell’impressione di banco-sul-mercato-tutto-a-2-euro, ad apparire e scomparire tra bottoni luminosi, banner, skin, senza un taglio, senza una distinzione, uguali uno all’altro, da sito a sito, da editore a editore, come un magma sovrabbondante e inutile, che se togliessi la testata neanche sapresti più quale sito è, tanto si somigliano nel loro caos. Continue reading

Agenda – Festival del giornalismo e libri

Ritorna quel periodo dell’anno contrassegnato dal Festival del giornalismo e come da un po’ di tempo ho accettato con gioia l’invito di Arianna e Chris.
Per cui, in un programma davvero bellissimo, mi trovate lì da venerdì 26 a domenica 28.
In particolare sabato 27 sarò a parlare di twitter (e cosa, se no?) e poi di Community e crowdsourcing editoriale.
Ci vediamo lì?

Prima invece, ossia questo venerdì 19, sarò a Monza per un evento molto bello e molto interessante: “La biblioteca e la lettura al tempo del social network”, io parlerò alle 14 ma la giornata è interessante tutta; qui ne parla eFFe.

A maggio torna l’adorato Salone del libro, sarò lì il sabato e la domenica. Domenica alle 16 parlerò a un evento organizzato da Gli amanti dei libri, sezione Book the Future.

I dubbi e le domande dei giornalisti su Twitter

Se vi è piaciuto questo post, sappiate che

è diventato un ebook, in versione rivista, ampliata e

corretta.

_________________
Ho appena terminato una sessione di corsi molto intensa a giornalisti “della carta”, argomento twitter in particolare e i social network in generale. E’ dal 2009 che faccio corsi di questo genere e giro per le redazioni di periodici e quotidiani; ho sempre trovato forti resistenze al passaggio al digitale e anche questa volta ci sono stati momenti di discussione e dibattito vivaci. Ma mai come quest’anno l’interesse verso il digitale e soprattutto twitter – per moda, obtorto collo o reale curiosità – è stato alto.
Durante queste lezioni ho raccolto delle domande e dubbi ricorrenti; ce ne sarebbero molti altri, ma per evitare di allungare a dismisura questo post, mi sono fermata a dieci. E siccome ho fatto mio da tempo il mantra di Jeff Jarvis – Do Your Best And Link To The Rest – vorrei rispondere anche e soprattutto citando chi ha già risposto prima, così costruiamo una breve bibliografia delle cose a mio giudizio più interessanti dette su twitter negli ultimi mesi.

1 A cosa mi serve twitter?
Ti serve per creare e mantenere la tua reputazione online di professionista dell’informazione. Ti serve per coprire eventi in corso di svolgimento con il livetwitting. Ti serve come fonte, se segui colleghi italiani o stranieri, testate, blog, persone che twittano dai posti dove le cose accadono. Ti serve per avere il polso di quello che si dice e per evitare di usare i social media solo come una verniciata di colore per ravvivare un pezzo, vedi il caso di #questapersonacarlo durante il terremoto, ripreso dal Tg1 con accenti accorati (a proposito, grazie a Carlo Gabardini @carlogabardini per avermi regalato la slide più divertente di tutto il corso).

2 Perché proprio twitter?
Perché è in forte crescita, anche in Italia, guardate i dati qui. Perché c’è meno fuffa, è più agile, più rapido: niente giochini, pochi meme, niente gallerie fotografiche. Perché le informazioni girano su twitter. Perché Andy Carvin (@acarvin), fra gli altri, durante la primavera araba ci ha fatto vedere cosa si può fare con twitter e Paul Lewis (@PaulLewis) del Guardian durante i riots di Londra pure. Perché dopo la prima scossa di terremoto in Emilia, all’alba, twitter è stata l’unica fonte di informazione per parecchio tempo. Perché non sappiamo se il cosiddetto giornalismo del futuro (o meglio, del presente) sarà o contemplerà twitter, ma sicuramente avrà doti di rapidità, condivisione e interazione, per cui tanto vale iniziare subito. Attenzione: essere sui social media significa comunicare, ma anche ricevere. Bisogna aspettarsi e accettare le critiche. Come dice Andy Carvin qui:

You have to be prepared to be accountable in real time. When I screw up, my followers tell me.

3 Quindi con Twitter possono diventare tutti giornalisti?
Al contrario. In un mondo in cui tutti, potenzialmente, possono dare una notizia, una figura di filtro sarà ancora più necessaria per scremare la fuffa dalle informazioni davvero importanti. Come sostiene Andy Carvin, citato qui:

While social media provides up-to-the-minute information from around the world, journalists verify that information and place it in a larger context. It’s important for professional journalists to bring their experience and judgement on that content.

4 Twitter è troppo veloce e quindi è più semplice diffondere notizie false
E allora prenditi il tuo tempo, non farti fagocitare dallo strumento, dominalo. Esattamente come faresti quando scrivi un pezzo, fermati a controllare prima di fare un retweet o di dare un’informazione della quale non sei certo (come è successo a Sandro Ruotolo che ha diffuso su twitter le generalità del presunto attentatore di Brindisi, poi immediatamente rilasciato, guadagnandosi un provvedimento disciplinare dall’Odg del Lazio. Il giornalista ha cancellato il suo profilo twitter subito dopo). E chiarisci sempre qual è la fonte e il grado di certezza della notizia. Dice Alfred Hermida (@hermida), fondatore del team BBC.com e oggi docente alla University of British Columbia’s Graduate School of Journalism, nel suo utilissimo Tweets and Truth. Journalism as a Discipline of Collaborative Verification (a pagamento, ma ne vale la pena. Oppure ne trovate una sintesi in questa bella intervista):

Journalists have always had to balance being fast and being accurate. The difference today is that it is very easy for incorrect information to circulate unchecked. There is a value in highlighting to audiences what is unconfirmed information, especially when it is circulating on social media. The responsible way to do it is by being open and clear about information that is confirmed and verified versus details which are unknown or uncertain. Part of this process involves being transparent about the source of the information, even if came from a rival news outlet.

5 Twitter aiuta a far vendere più copie del giornale in edicola?
No. Non ho numeri in mio possesso ma posso tranquillamente affermare che è molto difficile che un tweet faccia vendere una copia in più. Se usato bene può aumentare esponenzialmente, però, i lettori di un vostro pezzo e in generale quelli del quotidiano online.

6 Non ho tempo per seguire twitter, facebook e altro ancora
Non è obbligatorio seguire tutto, partecipare ovunque, anzi. Se non hai tempo di scrivere su un blog, non aprirlo, anche se ti lusinga averne uno con il tuo nome sopra; non c’è biglietto da visita peggiore di un blog con il tuo nome sopra aggiornato a sei mesi fa. Lascia perdere facebook. Se hai tempo solo per un social media, usa twitter.

7 Quanta gente devo seguire?
Non c’è un numero fisso. Quella che ti interessa e che ti serve per il tuo lavoro. Su twitter non c’è obbligo di reciprocità, per cui non devi seguire chi non ti interessa solo perché ti segue. Se non riesci a seguire tutti e la tua timeline è troppo affollata, ricordati che esistono le Liste per creare delle partizioni di persone che segui: giornalisti italiani, stranieri, testate registrate, che si occupano di cinema, di food, di quello che volete. Cliccando sulla lista avrete gli aggiornamenti solo dalle persone che avete inserito in quel gruppo.

8 Come faccio ad avere più followers?
Presentarsi come giornalista, aggiungere nella breve biografia di presentazione del profilo su twitter la testata per la quale lavori già aiuta ad avere più persone che vi seguono. D’altra parte, dire che sei giornalista genererà aspettative più alte in chi ti legge; saranno meno disposti a perdonarti il tweet personale modello “Oggi ho mangiato un ottimo hamburger”, come spiega in modo eccellente la ricerca Who Gives a Tweet?.
Twitta con costanza ma senza esagerare: evita di invadere la timeline altrui con decine di tweet sparati uno dietro l’altro. Non autopromuoverti troppo (purtroppo la Me First Attitude è uno dei grandi mali dei social media), cerca di interagire il più possibile. Se ti interessa, tra le prima cause per le quali la gente smette di seguire un account ci sono: twittare troppo, autopromuoversi, fare spam, non essere abbastanza interessanti. Gli altri li trovi nella ricerca Noise, Promotion and Spam will Reduce your Twitter Followers.

9 Ho creato il mio account ma lo uso solo per leggere, non condivido nulla
Ognuno è libero di usare uno strumento come meglio crede, ma utilizzare un social media solo in modo passivo non è esattamente la cosa migliore da fare. E’ vero che circa il 40% degli iscritti a twitter ascolta solo; è altrettanto vero che questo mezzo è una conversazione. Utilizzarlo solo come fonte o in modalità broadcast, come vetrina di quello che hai scritto, è molto riduttivo. E se condividi solo i tuoi articoli pubblicati sul giornale online, cerca di inserire nel tweet qualcosa di personale – un aneddoto, una battuta, un ricordo – un piccolo valore aggiunto che non faccia sembrare il tuo account troppo simile a un rullo di agenzia. Mantra di Paul Lewis, intervistato qui:

Social Media is Social First, Media Second.

Memo del direttore del Corriere della Sera Ferruccio De Bortoli (@DeBortoliF) nel discorso ai suoi giornalisti del 4 maggio scorso:

Dobbiamo essere precisi, accurati, attendibili, disponibili al colloquio costante con i lettori e con i navigatori. I giornalisti risultano sempre più antipatici, arroganti e superficiali. Vorrei che ci impegnassimo di più a risalire la china di questa immagine deteriorata della categoria. Bisogna rispondere a tutti, con pazienza e umiltà. Nella Rete contano la credibilità e l’autorevolezza.

10 Su twitter ci sono solo cose inutili o noiose
Twitter in quanto tale non esiste, il popolo della rete non esiste, internet non esiste. A fare twitter sono le persone. Se quello che leggi non ti piace o non ti interessa, stai seguendo le persone sbagliate; cambia il tuo network.

Nel prossimo post parliamo di linee guida per l’utilizzo dei social media da parte dei giornalisti, dibattito caldo in questi giorni e sul quale, durante i corsi, sono uscite cose molto interessanti.