Come far sentire gli ospiti a proprio agio

Io adoro invitare gli amici a cena. Per questo ho apprezzato molto i consigli che Barbara Ronchi della Rocca, scrittrice ed esperta di galateo, mi ha dato durante un’intervista. Si riferiscono a cene formali, decisamente più formali degli happening pastasciuttari e incasinati che organizzo io, ma con qualche modifica si possono adattare anche a pizza e birra.

1 Anche per l’invito più informale cambiamoci d’abito, magari solo mettendo una camicia pulita sui jeans, ma senza ostentare capi e gioielli elegantissimi o griffati. Come padroni di casa siamo tenuti a un certo understatement (che non significa ciabattare per casa, ndr)
2 Non mescoliamo ospiti di opposta fede politica, o che hanno litigato, o ex coppie. È altrettanto sbagliato raggruppare solo persone totalmente “affini” o che svolgono tutte lo stesso lavoro, pena una conversazione noiosissima. (oppure il classico 5 più 1: 5 colleghi di lavoro o vecchi amici e un outsider che per tutta la sera si deve sorbire i continui “Ti ricordi quando…)
3 Crostacei, frutti di mare, selvaggina, lumache, asparagi, ma anche frutta fresca richiedono una certa abilità con le posate e quindi non sono molto graditi ai commensali pigri o insicuri (evitateli anche se tenete alla tovaglia o volete preservare il muro da chiazze di gambero).
4 Non prevediamo pietanze che richiedono una continua sorveglianza ai fornelli o cure particolari all’ultimo momento: l’andirivieni tra cucina e sala da pranzo infastidisce e imbarazza gli ospiti, che non apprezzeranno un piatto costato tanta evidente fatica e trambusto (ad esempio: pasta al cartoccio e piatti flambé).
5 Non portiamo in tavola piatti già “porzionati” e non serviamo gli ospiti i quali, se maggiori di 14 anni, hanno il diritto di decidere quanto e che cosa mangiare. Vietatissimi, naturalmente, i commenti del tipo “Come mai ne prendi così poco, forse non ti piace?”.
6 Non subissiamo gli ospiti di eccessive attenzioni (“Fa troppo caldo? Apro la finestra?”, “Senti freddo? Siediti qui, accanto al termosifone”) e non sollecitiamo complimenti e rassicurazioni: “Forse l’arrosto è troppo cotto?”, “Questo piatto non mi è venuto bene…”. Poniamo rimedio a ciò che davvero non va e passiamo sotto silenzio i danni irreparabili.

(Da Donna Moderna)

Avete altri suggerimenti? O qualcosa che proprio non sopportate dei padroni di casa quando siete ospiti?

14 thoughts on “Come far sentire gli ospiti a proprio agio

  1. Io so come far star bene i miei ospiti. Il problema insegnare a chi viene invitato a come onorare l’invito.
    Ad esempio lasciando a casa i marmocchi ed evitare di parlare di pannolini, asili e vomitini per 4 ore.

  2. tillo, non sar che dovresti selezionare diversamente i tuoi invitati?

  3. Odio chi riempie il piatto in modo inverosimile e poi insiste per dartene ancora! ;-)***

  4. Tillo: sono d’accordo, ma ha ragione Adriana: lasciali a casa!
    Io aggiungo: chi ti invita e poi appena terminata la cena si mette furiosamente a sparecchiare e a riempire la lavastoviglie. Un po’ di calma, please: per una volta si pu riordinare anche il giorno dopo e stare a chiacchierare con gli ospiti.

  5. Invitare un numero di persone eccessivo ovvero rendere poco confortevole l’ambiente.
    Trovo molto scortese costringere l’ospite a restare in piedi o ad accomodarsi su sedie di fortuna o a togliere perfino lo spazio per muovere i gomiti a tavola. Se i padroni di casa vivono in “2 stanze bagno e cucina” non comportarsi da padroni di una mansion.

  6. Piero: dipende dalla confidenza che si ha con gli ospiti. Personalmente mi capitato di far sedere un ospite sulla scaletta o di stare in 14 in una stanza dove non stanno comode pi di 6 persone… credo che nessuno si sia lamentato perch sono amici di vecchia data che vedo frequentemente. Con gli altri ho ovviamente un occhio di riguardo. Io detesto: chi mi riempie troppo il piatto, chi si ostina a volermi lavare i piatti mentre io sono comodamente seduta, chi fa osservazioni sgradite sulla mia cucina (manca un po’ di sale…) sar permalosa ma stai zitto no? Tanto mica mangi da me tutti i giorni! Adoro: i complimenti ;-)

  7. confesso … il primo punto proprio non mi riesce di rispettarlo, in casa mia devo essere rigorosamente comoda altrimenti divento acida
    a parziale scusante vi garantisco che invito solo amici di vecchia data i quali mi conoscono benissimo e sanno casa aspettarsi :lol:

  8. Il quinto e il sesto li stamperei su dei biglietti e li distribuirei a tutte le persone che conosco :-)
    Quanto ai consigli, ne ho uno molto banale: conoscere i propri ospiti. Il massimo dell’ospitalit, secondo me, non trattare le persone in maniera molto formale o viceversa come persone di casa, ma trattarle come vorrebbero essere trattate.

  9. JillL: ti capisco, ma su una cosa non transigo: le scarpe :-)
    je: dovrebbe valere la regola aurea “se non hai niente di carino da dire taci”, ma purtroppo molta gente non la conosce.
    Piero: vero, si chiama empatia e funziona alla grande in tutti i campi della vita.

  10. Anch’io come Jill cedo sul primo punto e non sempre mi riesce di rispettare il secondo, ma per colpa di ospiti che, pur essendo politicamente affini, riescono a litigare sulle virgole :-)
    In realta’ anche il 4 e’ un po’ difficile, pena la rinuncia al risotto :-)

  11. Corrado: ma Vissani il risotto lo fa cuocere mettendo il brodo tutto in una volta, no? Basta un buon contaminuti :-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website