Evviva il bricolage

Vado al Bricocenter. E’ primavera, e si è tragicamente risvegliata la bricoleuse che c’è in me. Avete presente la mirabile descrizione dello zio che pianta un chiodo in Tre uomini in barca?
Ecco, finché non arriva il caldo, quello sarà lo scenario dei miei weekend a casa.
Mi serve una cera per l’ardesia. L’ardesia, no? La pietra color, appunto, ardesia, che in Liguria ricopre tetti e davanzali. La lavagna. Cavi di Lavagna, do you know?
Quello che non sapevo, però, è che l’ardesia è fortemente georeferenziata. Passato il Turchino, nessuno sospetta della sua esistenza. O almeno questo è quello che mi è successo.
Fermo un commesso:

<<Scusi, avete un prodotto per ravvivare l’ardesia?>>
<<Mmm…è un legno?>>
(Mi viene voglia di rispondere: si, chiaro con venature molto evidenti)
<<No…è una pietra, scura, grigia, si usa per i tetti, per i davanzali…>>
<<MARIOOO! Abbiamo qualcosa per pulire le pietre?>>
<<No, guardi, non devo pulire le pietre, devo, insomma, dare il nero all’ardesia>>
<<MARIOOO! Abbiamo uno smalto nero che vada bene sulle pietre?>>
<<Grazie, buongiorno>>

7 thoughts on “Evviva il bricolage

  1. Il problema che gli addetti al bricocenter non sono abituati a vedere una donna che si aggira per gli scafali con occhio tecnico. Hai distrutto tutte le loro convinzioni.

    Balty

  2. aaaaah dici che una velata discriminazione sessuale? No, no, secondo me non avevano proprio idea. Chiss in Lombardia su cosa scrivevano, a scuola? Bah

  3. Perch in lombardia scrivono? Credevo insegnassero ai ricchi a fare solo i conti per calcolare gli tuili dell’azienda e agli altri un cazzo, che sia mai che gli spunta la coscienza critica…

    serpe

  4. i tuili sono gli utili secondo una dislessica :-)

    serpe

  5. Mi sa che ti conviene comprarlo qui, quel prodotto…(io usavo una specie di flating per le ardesie interne)

    :-*

  6. Ragasse,

    sento un certo orgoglio regionale sprizzare dalle vostre tastiere.

    Cmq, in Lombardia scriviamo su lavagne di marmo di Carrara.

    Balty

  7. Sono a casa, trovata la cera per l’ardesia, stato molto facile ;-)

    Fra l’altro oggi c’ una mareggiata che una meraviglia!

    Balty, complimenti per il marmo di Carrara, mi venuta in mente una canzone dello Zecchino d’oro di mille anni fa, Gug nell’et della pietra, dove il protagonista andava a scuola trascinando un pesante libro di pietra.

    Non per darvi dei trogloditi, eh, non sia mai ;-))

    Blim.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website