Il bon ton per le amiche incinte

Succede un po’ come a scuola, credo. Quando passi alla classe successiva, guardi con sufficienza i “primini” che arrivano, impacciati e goffi, e tu ti senti infinitamente superiore.
Stessa cosa con la gravidanza. Quando ci sei dentro, tocca a te ascoltare l’interminabile elenco di suggerimenti non richiesti e insopportabili luoghi comuni che nemmeno tua nonna buonanima. Quando il bimbo nasce, hai fatto un po’ di esperienza (o almeno così credi) e la pancia tocca alle amiche, è il tuo turno di trasformarti in Giano Bifronte sputasentenze. O invece, di cogliere l’occasione per dimostrrare un’intelligenza e un’empatia superiori.
Siccome io mi sono morsa lingua più volte perché stavo per pronunciare, di fronte a un’amica panzona, le famose parole: “Secondo me dovresti…” o, peggio, “Io, invece, facevo così”, ho deciso di scrivere un mini galateo a uso e consumo delle già mamme che parlano con un’amica primipara, attempata o meno.

1 Il topic “peso accumulato in gravidanza” è tabù. Come dice la Regina, never complain, never explain. Mai e dico mai chiedere quanti chili l’amica ha messo su. Nemmeno tramite velate allusioni, che poi velate non sono. Eccezione: se lei ci tiene a vantarsi di “aver preso solo 4 chili”, fatele i complimenti di getto, senza questionare sulla sua taglia da balena bianca. Mente, d’accordo, e probabilmente sa di mentire: ma se serve a farla star meglio, chi siete voi per toglierle l’illusione?
2 Ha deciso per il cesareo? Ditele che così soffrirà meno. E’ una talebana del parto naturale a tutti i costi anche se aspetta tre gemelli podalici? Concedetevi solo un “Se preferisci, certo, avrei già valutato i pro e i contro”. Qualunque sia la vostra idea in proposito o le vostre scelte, esprimerle con troppa veemenza non le farà cambiare opinione ma riuscirà solo a farvi discutere. Le donne  a volte sai sono scontrose, dice il poeta, e in gravidanza lo sono di più. Vi ricordate com’eravate voi? Ecco.
3 Stesso discorso per l’allattamento. E’ un altro argomento del genere “Chi tocca muore”. Ognuna ha la sua idea e si è sicuramente documentata approfonditamente prima di prendere una decisione. Parlate solo se interpellate direttamente.
4 Vostro figlio ha iniziato a camminare/parlare a raffica/andare al nido/passare da una febbre a una gastroenterite a un raffreddore/giocare con i coltelli/arrampicarsi su ogni pezzo di arredamento tentando di spaccarsi la testa più volte al giorno. Anche se lo pensate davvero, trattanetevi dal dirle “Più crescono, peggio è” o la trita “Bambini piccoli, problemi piccoli”, eccetera. A parte che lo scoprirà da sola. Se iniziate a dirglielo ora, quando tornerà a casa con il pupo e si sentirà come tutte noi stanca e inadeguata, il solo pensiero di dover affrontare ancora il peggio la getterà nello sconforto più cupo. Per lo stesso motivo, evitate come la peste la frase “Goditela, finché è nella pancia, che dopo vedrai”. Goditela? E come potrebbe godersela, con la pancia di un capodoglio, la stanchezza cronica e magari le gambe gonfie? Tacete, dai.
5 No splatter, please. Solo pochi mesi fa vi hanno tormentato con racconti horror di episiotomie, spruzzi di sangue sul muro della sala parto, travagli di ventiquattrore, mariti svenuti e cordoni ombelicali attorcigliati tipo nodo di Gordio. Ora che ne siete fuori, volete cominciare voi? Ma per favore. Mettetevi un allarme mentale che vi blocchi non appena iniziate a parlare di contrazioni, spinte e tagli.
6 Rendetevi disponibili a donare i vestitini e i giochini di vostro figlio (spesso le mini scarpine o i body “taglia zero” sono nuovi di pacca, ancora nel cellophane o indossati solo due volte, per cui molto graditi). Non insistete, però: c’è chi non ama il second hand oppure ha già la casa invasa da oggetti di sorelle e fratelli già figliati. Non citofonate con uno scatolone di abiti smessi solo perché non avete più posto in cantina, per dire.
7 Ogni tanto, comprate un regalino solo per l’amica incinta. Una crema (non necessariamente antismagliature, magari anche qualcosa di più voluttuoso), un rossetto, un reggiseno di pizzo che la focalizzi sul “dopo”, quando tornerà a essere una donna e non una mucca svizzera. In mezzo alla cascata di bavaglini, sonagli e “oggetti transizionali” per il pupo che riceverà ogni giorno, un pensiero per lei, con un packaging da adulti, senza ochette e gattini, sarà una boccata d’aria fresca.
8 Statele vicino. Lo so, voi avete la vostra vita, il lavoro, la casa, e con il pupo a volte crollate sul divano alle 9 di sera senza nemmeno la forza di comporre un numero di telefono. Però la vostra amica è lì, con una pancia a mongolfiera, spesso annoiata, magari in preda alle tipiche ansie preparto. Mandatele una mail, un sms, passate a trovarla, fatela divertire. Ne ha bisogno.
9 Diversificate gli argomenti di conversazione. Non è facile, lo sapete: ci siete passate anche voi. Soprattutto gli ultimi due mesi eravate un monolite che rigettava ogni argomento non inerente a parto, puerperio, allattamento. Insistete. Portatele dei libri not children related. Nutrite la sua mente di panzona con altre cose che non siano gli estrogeni, a costo di passare per insensibili. Un giorno capirà e vi ringrazierà.
10 Infine, andate a trovarla in ospedale solo se siete molto in confidenza o sapete che a lei fa davvero piacere. Altrimenti aspettate che vi inviti a casa, quando sarà abbastanza tranquilla da ricevere visite. Le improvvisate, nei primi giorni dopo il parto, non sono molto gradite. E possibilmente, evitate di portarvi dietro il vostro adorabile cucciolo con la tosse o il naso che cola tipo rubinetto aperto, ché le neomadri, si sa, sono ansiose e protettive come leonesse e vedono microbi ovunque. Spesso, a ragione.

76 thoughts on “Il bon ton per le amiche incinte

  1. Ciao.
    la 1^ volta che scrivo, complimenti per il blog! L’ho trovato a settembre mentre cercavo “consigli non richiesti in gravidanza”, avevo bisogno di distrarmi un p dalle ansie da gravida, ora sono incinta di 6 mesi. Il tuo blog mi ha fatto ridere e sorridere e in qualche modo mi ha aiutata a sdrammatizzare quando avevo qualche attacco d’ansia. Questo post stupendo e mi trova pienamente d’accordo su tutto, in particolar modo sui punti 4, 5 6 e 10! Credo per che certe madri proprio non ci arrivino, lo fanno forse inconsciamente per sentirsi superiori, amano spaventarti. Per ora sto pensando al parto come a una cosa lontana (ma non lo !!!), ancora i racconti splatter non mi hanno particolarmente toccata. Vedremo pi avanti….

  2. E’ bello sapere che esistono ancora tanti blog belli gestiti da tante persone belle, alla faccia di facebucco e frinfrin!!;oDD

    Questo commento è stato originariamente inviato suPlacida Signora

  3. Grazie, le segnalazi sono sempre perfette, bilanciate e mai scontate. Mi unisco anch’io al coro per Suzukimaruti new edition!

    Questo commento è stato originariamente inviato suPlacida Signora

  4. Suzukimaruti, ovvero il blog per chi ha tanto tempo libero… :)

    Bentornato, granataccio maledetto :D

    Questo commento è stato originariamente inviato suPlacida Signora

  5. Lusingati! Ce n’ uno on line anche oggi. Tu scegli e io spedisco, tanto inizia a seccare solo dopo sei-sette settimane ;-)
    Smack. Kat

    Questo commento è stato originariamente inviato suPlacida Signora

  6. Ma che bello questo pot pourri di blog e pensieri, ho letto qualcosa qua e l ma dopo con calma vado a fare un’analisi approfondita. Grazie!

    Questo commento è stato originariamente inviato suPlacida Signora

  7. Se prima mi eri simpatica, adesso ti faccio una statuetta in giardino con obbligo di toccarla prima di entrare in casa. Mi permetto di aggiungere una cosa: quando sei incinta di 9 settimane e chi lo sa e ti incontra ogni tanto ti dice:tutto bene? (lo sai che i primi tre mesi sono a rischio, tu sei ancora incinta o no?).Io la chiamo portare sfiga.

  8. Complimenti per la nomination x Ecletic site Award. E’ soddisfazione anche x noi che ti seguiamo con affetto. Grazie x le segnalazioni, belle e interessanti come sempre. Buona domenica Mit.

    Questo commento è stato originariamente inviato suPlacida Signora

  9. Complimenti x la nomination al Ecletic Site Award. E’ soddisfazione anche x noi che ti seguiamo sempre con affetto. Belle e interessanti le tue segnalazioni, grazie. Buona domenica Mit.

    Questo commento è stato originariamente inviato suPlacida Signora

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website