Illusioni ottiche geografiche

E’ una cosa che mi perseguita da quando sedevo nei banchi delle elementari e mi perdevo a fissare il planisfero appeso alla parete bianca (vicino al crocifisso, sì; all’epoca non si discuteva).
Ecco, secondo me il mar Mediterraneo è un canide da fumetti. Wile Coyote, Lupo Alberto, Lupo De Lupis, fate voi. Comunque è innegabile; orecchie, profilo e naso a ciliegia.

europa

Mentre il Mar Caspio è una vecchia scarpa da strega o befana, vista in verticale.

caspio

E il mar Nero una vezzosa e morbida scarpina modello bebè con tanto di fiocchetto. O, a voler essere poetici, con un passerotto o una farfalla posati proprio sopra il collo del piede.

mar nero

Vedere cose che non esistono, o vederle diversamente da quello che sono, continua a far parte della mia vita e non soltanto perché sono miope. Recentemente, ad esempio, facevo benzina sull’autostrada e ho chiesto al mio ignaro compagno: “Cosa ci fa un cancello in mezzo al piazzale, che non chiude niente?” ed erano in realtà gli sfiatatoi delle cisterne messi uno accanto all’altro.
A voi succede mai? Se sì raccontatemelo.
Se no, date un’occhiata qui e ispiratevi.

6 thoughts on “Illusioni ottiche geografiche

  1. si a me tutti i giorni di vedere cose che non esistono… in effetti facendoci caso il cane spunta fuori da mediterraneo, io invece ho sempre visto un signor paio di tette fissando il golfo ligure e quello del leone (francia)

  2. io purtroppo sono malata come te, se non di pi , inoltre aggiungo che ho anche una certa propensione per le somiglianze immaginarie. Il mio compagno ormai no ci fa pi caso, mi da sempre ragione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website