Le donne secondo Prodi e Berlusconi

E’ il grande momento: Sorgi riprova a fare la domanda del secolo, ossia La Questione Femminile:
“La differenza la faranno gli indecisi, bla bla, tra gli indecisi ci sono molte donne, che vivono in provincia, non lavorano o hanno lavori precari, insomma: che ne vogliamo fare di ‘ste donne?”

(Qui il resoconto di come andò il tema-donne durante la prima puntata del duello Prodi – Berlusconi)

Berlusconi non risponde perché è troppo preso a dare dell’utile idiota e curato bonario prestanome dei comunisti a Prodi.

Prodi riprende pari pari la manfrina della volta scorsa:

Le donne in Italia sono tenute ai margini della carriera, avanzano solo dove ci sono concorsi pubblici perché sono più brave (sic). E non perché studino meno; studiano uguale (in realtà, i dati Istat dicono che studiano di più e con risultati migliori, N.d.A.)
Sono ai margini anche politica. Noi nel centrosinistra abbiamo il triplo delle parlamentari rispetto al
centrodestra, ma questo non basta. Occorre cambiare registro. Io 10 anni fa ero contro le quote rosa, ora ho cambiato idea: in Europa ho contribuito a imporle.

Berlusconi si rende conto di avere ignorato completamente la domanda di Sorgi e si riprende:

Nel nostro Governo hanno trovato lavoro 563 donne (dice proprio così: cinquecentosessantre. Ma le ha contate una per una? E saranno tutti co.co.co. immagino). Se vinceremo, nel prossimo Governo avremo il 33% di donne in più, significa 8 ministri. E mi piacerebbe avere un vicepresidente del Consiglio donna.

Se qualche signora vuole lasciare i fornelli per andare a Roma, si faccia avanti.

8 thoughts on “Le donne secondo Prodi e Berlusconi

  1. In effetti anche io mi sono chiesta il perch di quel numero…563. Forse ha ragione Prodi, quando dice che il premier si appoggia ai numeri come gli ubriachi ai lampioni…Ma anche Prodi ha un modo di porre la questione che non mi piace. La vogliamo smettere di dire che le donne sono pi brave? Ci sono donne intelligenti e uomini intelligenti, donne stupide e uomini stupidi. E proprio per questo che dovremmo avere gli stessi diritti.E’ cos difficile capirlo?? I discorsi sul “genio femminile” li fa chi non crede realmente nel fatto che dovremmo avere le stesse opportunit. Non a caso “genio femminile” una espressione usata spesso dalla chiesa.

  2. 563? 8 donne ministro? E poi perch Prodi 10 anni fa era contrario alle quote rosa? L’ha spiegato? Io ieri non ce l’ho proprio fatta a guardare il confronto… e non me ne pento leggendo qui. Sarebbe cos scandaloso pensare di avere il 50% delle donne al governo? A me sembrerebbe l’assoluta normalit…

  3. @Teresa d’accordissimo: sa tanto di “contentino” accondiscendente…”siete pi brave…siete pi intelligenti…Ora per mettetevi buone nell’angolino li e zitte”
    @Je come succede in Spagna, ad esempio…

  4. la verit che anche a sinistra ci prendono in giro: ci leccano con questa storia che siamo pi brave (d’accordissimo con Teresa, piantatela con questa storia del genio femminile!) e poi non hanno nemmeno il coraggio di promettere un governo FIFTY-FIFTY alla Zapatero!!! Di cosa hanno paura? Pagliacci. Che tristezza. Ovvio che a destra ci trattano ben peggio, Berlusconi docet con le sua idiozie sulle “signore”…

  5. @Barbara Esatto come in Spagna, paese latino e maschilista, no? Eppure qui siamo lontani anni luce da un tale risultato!

  6. Gentile autore,

    ti comunichiamo che il tuo post, visibile all’indirizzo http://liberoblog.libero.it/politica/bl3164.phtml, ritenuto particolarmente valido dalla nostra redazione, stato segnalato all’interno di LiberoBlog, il nuovo aggregatore blog di Libero.it.

    Pensiamo che questo ti possa dare maggiore visibilit sul web e presumibilmente maggiore traffico sul tuo blog, in quanto Libero.it visitato quotidianamente da milioni di persone.

    Nel caso tu fossi contrario a questa iniziativa, il cui fine quello di segnalare ai nostri lettori i contenuti pi validi rintracciati nella blogosfera, ti preghiamo di segnalarcelo via e-mail chiedendo la rimozione del tuo post dal servizio. Procederemo immediatamente.

    Per saperne di pi di LiberoBlog e sulla sua policy:
    http://liberoblog.libero.it/disclaimer.php

    Per suggerimenti e critiche, non esitare a contattarci a questo indirizzo
    e-mail: blog.n2k@libero.it

    Ringraziandoti per l’attenzione, ti porgiamo i nostri pi cordiali saluti

    LiberoBlog Staff

  7. Gentile autore,

    ti comunichiamo che il tuo post, visibile all’indirizzo http://liberoblog.libero.it/politica/bl3164.phtml, ritenuto particolarmente valido dalla nostra redazione, stato segnalato all’interno di LiberoBlog, il nuovo aggregatore blog di Libero.it.

    Pensiamo che questo ti possa dare maggiore visibilit sul web e presumibilmente maggiore traffico sul tuo blog, in quanto Libero.it visitato quotidianamente da milioni di persone.

    Nel caso tu fossi contrario a questa iniziativa, il cui fine quello di segnalare ai nostri lettori i contenuti pi validi rintracciati nella blogosfera, ti preghiamo di segnalarcelo via e-mail chiedendo la rimozione del tuo post dal servizio. Procederemo immediatamente.

    Per saperne di pi di LiberoBlog e sulla sua policy:

    http://liberoblog.libero.it/disclaimer.php

    Per suggerimenti e critiche, non esitare a contattarci a questo indirizzo
    e-mail: blog.n2k@libero.it

    Ringraziandoti per l’attenzione, ti porgiamo i nostri pi cordiali saluti

    LiberoBlog Staff

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website