Stasera vieni a casa mia? Così te la vendo

Trovare casa, lo sappiamo tutti, può diventare un inferno.
Io al momento non ho ancora ripreso la caccia, ragione di più che con la pancia in aumento vertiginoso, l’ultimo pensiero è correre ai quattro angoli di Milano per vedere buchi improponibili.
In generale comunque, in caso si trovasse la magione dei sogni e, cosa ancora più improbabile, si avessero i soldi per acquistarla, resta il problema di liberarsi della casa in cui viviamo al momento.
Alcuni investitori di professione mi hanno più volte avvertito su questo aspetto: non comprare casa se non sei certo di vendere la tua o se non hai tempo sufficiente per farlo; rischi di diventare uno di quelli che il mercato immobiliare chiama dontwanters, ossia chi vuole sbarazzarsi al più presto possibile di un’abitazione e alla fine accetta offerte parecchio più basse del valore reale.
A questo proposito scopro che abbiamo importato dagli Usa la tendenza Open House, cioè, più o meno: voglio vendere casa, organizzo una giornata aperta, invito molte persone potenzialmente interessate che possono vederla con tutta calma in un contesto diverso dalle solite tristi visite guidate di 5 minuti e spero che uno di loro alla fine mi faccia un’offerta.
Non solo: negli Usa e in alcuni casi anche da noi, l’Open House si trasforma in un vero e proprio party immobiliare, che tra una tartina e un prosecchino dovrebbe disporre meglio i clienti all’acquisto.
Al limite, male che vada avete conosciuto un sacco di gente.

6 thoughts on “Stasera vieni a casa mia? Così te la vendo

  1. speriamo comincino a farlo anche qui e vai di finger food… in Liguria sai quanta gente andr a vedere le case basta mangiare gratis

  2. Trovata carina. Peccato che spesso le case, viste in cinque minuti cinque, sembrino spesso molto migliori di quanto sono in realt… se organizzi il party immobiliare devi nascondere accuratamente tutte le magagne.

  3. Anch’io sono andata ad un’open-house: Pieve Alta, proprietario inglese, 100 persone, bevuto Castellino….. puah! ;-)***

  4. luca: vero! File e file di finti compratori!
    spikette: s, per sai, con un buon bicchiere di vino qualche magagna si aggiusta, magari.
    Princy: CASTELLINO?????

  5. ma che titolo hai messo???????????!!!!!!!!! :lol:

  6. JillL: dici per il doppio senso? Guarda, l’ho notato solo ora che me lo scrivi. Ma sai, noi future mamme siamo pure come gigli… :-))))))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website