Genova caput mundi: barcamp come se piovesse

I blogger son quella cosa che alle istituzioni, amministrazioni pubbliche, eventi ufficiali, non gliene frega niente.
Cominciamo così, che mi piace, fa tanto popolare.
Dicevo, non gliene frega niente, non ci pensano neppure, non li invitano anche se si parla di “vita digitale” di rete, di “nuove comunicazioni”, che erano nuove quando ero di primo pelo io, per cui, insomma, riconsideriamo l’aggettivo.
E non essendo più di primo pelo, questo periodo in cui tutti diventano consulenti digitali e tutti sono pronti a (ri)saltare sul carro dell’internet mi ricorda un po’ quello intorno al 1998-99, quello pre-bolla, quello in cui chiunque tentava di riciclarsi come internettiano della prima ora, facendo faux pas notevoli, ignorando l’allora famosa netiquette.
Non gliene frega niente (torniamo al punto) salvo poi fare precipitose marce indietro quando si rendono conto, esse istituzioni, che i blogger e in generale quelli che in rete ci vivono davvero un pochino di valore ce l’hanno. Non fosse altro perché sono logorroici. Fanno una cosa e ne parlano, ne scrivono, ne twittano, ribloggano, tumblerano eccetera eccetera. E quindi fanno Pr a costo zero o quasi (sì, d’accordo, a volte vogliono i tramezzini, macchessaràmai).
E tutto ciò è accaduto puntualmente per un evento che accadrà nella mia amata città. Con modalità un po’ così.
Succede che il 23 aprile ci sarebbe dovuto essere un evento, chiamato Genovacamp, organizzato da Cittadini digitali per parlare di futuro dell’informazione, sesso virtuale, una rete per tutti eccetera; il programma qui. Tanto camp non è visto che si tratta di un normale convegno con interventi e relatori già decisi a monte, ma vabbè; si vede che il suffisso camp piace, è trendy. Ed è pure dedicato a Franco Carlini, profondo conoscitore della rete e ottima persona che ho avuto l’onore di conoscere anche se per poco. Comunque, settimane fa, quelli del Genovacamp contattano la nostra allegra armata di organizzatori decisamente sui generis (io, la Signora e il Confuso) proponendo un gemellaggio con scambio di link con il nostro Viadelcamp, organizzato per l’8 maggio da tempo immemore. Rifiutiamo cordialmente data la diversità degli eventi (serioso convegno l’uno, rimpatriata con mangiata pantagruelica e interventi a muzzo, se ci saranno, l’altro) e ci salutiamo con tante belle cose, come si fa da persone civili. Magari, tornando all’argomento iniziale, se i blogger, genovesi e non, fossero stati coinvolti sul serio e dall’inizio nell’organizzazione dell’evento, sarebbe stata una cosa diversa.
Dopodiché, il silenzio.
Dopo il silenzio, all’improvviso la novità: scopriamo che il Genovacamp ha deciso di cambiare data, posticipando l’evento a…indovinate? L’8 maggio. Ora, mia nonna (ma anche le vostre, ci scommetto; leggere per credere) diceva che a pensar male si fa peccato ma non si sbaglia mai. E siccome il Viadelcamp sta avendo un grande successo, con già quasi 100 iscritti, non è difficile pensare che il cambio di data sia stato anche suggerito dalla volontà di approfittare di tutti questi blogger sciamanti per i caruggi. Già che sono lì, magari fanno un salto anche da noi, no? Si possono essere detti. E ci sta pure, eh, sia chiaro.
Va detto che gli organizzatori del Genovacamp, nelle persone di Gabriele Cazzulini e Furio Truzzi, sono stati molto cortesi e prodighi di spiegazioni per giustificare il cambio di data: è stata una precisa richiesta del Comune, per avere più tempo e organizzare tutto al meglio, e la scelta è caduta su un weekend dopo Pasqua e dopo le elezioni (ce n’erano parecchi altri oltre a quello dell’8 maggio, ma è andata così: succede).
In ogni caso, i due eventi coincidono solo per un giorno e in effetti hanno target e obbiettivi così diversi che è difficile si sovrappongano. Anzi quasi ci fa sorridere che la nostra giornata, senza sponsor, senza patrocini, senza tante musse, come si dice a Zena, organizzata nei ritagli di tempo e animata solo da una grande voglia di stare insieme, abbia attirato così tanta attenzione.
Vorrà dire che per una volta Genova, nota per essere città ove non succede mai nulla, avrà ben due eventi del “ueb” in un solo weekend; evviva!

(Il fairplay, però, è un’altra cosa. E da noi, comunque, si mangia meglio).

39 thoughts on “Genova caput mundi: barcamp come se piovesse

  1. Ah! I *fubbetti* del quartierino. Machecaso, machecoincidenza. Resta che, pure in Puglia, la parolina magica CAMP usata e abusata. Io parto un momentino in bestia e, di volta in volta, butto sangue di veleno sull’ignoranza alla base di certi eventi.
    Che belli, sarebbero belli pure senza la declinazione trendy nel titolo. Che belli, sarebbero belli pure provando a coinvolgere un po’ tutti nel vro e puro spirito non-conferenziere, tipico di noi marmaglia duepuntozero. :-) Ossequi tutti.

  2. Messo su ff, tumblr, twitter. Ora vado a linkarlo sui muri.

  3. Simpaticissimi. Mi sembra di rivivere il casino che succede quando si organizzano manifestazioni omosessuali. Casualmente ne spuntano di nuove, tutte in quel giorno.

    Questo commento è stato originariamente inviato suFriendFeed

  4. non essendo un giornalista, neanche se la laurea l’avessi comprata, ma avendo “fatto” una intera campagna elettorale da solo me medesimo sul webbe mi pare doveroso chiarire il way to say genovese
    altrimenti ti giocheresti almeno una settantina di blogger maschi
    “senza tante musse” significa senza tante manfrine, e non senza tante belle ragazze…… ma ancora mi sto chiedendo come si traduce in genovese fairplay

  5. mi spiace Mit ma a linkarlo sui muri lo hanno inventato a Buto almeno 10 anni fa passando sulla provinciale che collega S. pietro vara a sesta godano su un muro a caratteri cubitali CAMPeggiava http://www.buto.it

  6. Ah s, ma sempre tutta una casualit, eh. Prevista tipo sedici mesi prima della resa pubblica dell’evento.

    Questo commento è stato originariamente inviato suFriendFeed

  7. e comunque per completare la sovrapposizione a nostra volta stiamo pensando di organizzare amche un “FugassaConeSiouleCamp” il 7 maggio (sempre a genova) e un “FiumaraCamp” la mattina del 9.

  8. e comunque per completare la sovrapposizione a nostra volta stiamo pensando di organizzare anche un FugassaConeSiouleCamp il 7 maggio (sempre a genova) e un ZuppadiPesceCamp la mattina del 9 (ancora a genova)

    Questo commento è stato originariamente inviato suFriendFeed

  9. ahahahhaa, giusto. Date le mie origini, ri-sovrappongo un SestriPonenteCamp il 7, il 9 e pure l’8, ti!

  10. si vocifera di un TurtaDeRisoCamp nell’aiola di piazza Corvetto dal 2 al 31 maggio, senza interruzioni (no stop, anche di notte)

    Questo commento è stato originariamente inviato suFriendFeed

  11. Eh no, fermi tutti: il 25 dicembre c’ gi il Bibnocamp.

  12. attenzione a non sovrapporsi col FrisceuCamp di Bogliasco (7 e 9 maggio, ma l’8 per si fermano)

  13. ma mi appena arrivata un’email in cui mi si avvisa dello spostamento del genovacamp o.O

    Questo commento è stato originariamente inviato suFriendFeed

  14. sul PanissaCamp (Voltri, 6 maggio) incombe pericolosamente la sovrapposizione del PansotiCamp (stadio di Sampiardarena, 10 maggio)

    Questo commento è stato originariamente inviato suFriendFeed

  15. il frisceucamp stato spostato dal 7 al 9 maggio per eccesso di adesioni

    Questo commento è stato originariamente inviato suFriendFeed

  16. naturalmente io non ci sar:) di sabato e col mercatino dell’antiquariato in strada non riesco neppure ad uscire dal negozio figuratevi arrivare a Genova, e poi sono in periodo sabbatico da blog quindi che verrei a fare…per posso partecipare come sponsor tecnico?

  17. Luca, ma certo!
    (e comunque aggiungerei un BelladeTuriggiaCamp con annesso concorso di bellezza fra blogger, eh? Che ne dite?)

  18. scusate l’ignoranza ma qualcuno pu spiegarmi il significato e l’origine di questa accezione del termine CAMP? Fa riferimento ad eventi senza una organizzazione prestabilita o si utilizza specificatamente per incontri di “abitanti del web”?
    Grazie

  19. ciao blimunda sei una delle prime blogger che ho conosciuto e seguito se hai tempo di passare sul mio blog c’ un premio per te grazie

  20. non sapevo di viadelcamp e avevo notato che l’altro evento aveva una modalita’ non camp… e non mi sono ancora chiare le ragioni dello spostamento ..

  21. Il “Camp” deve essere una specialit ligure, perch qui in Emilia Romagna non pullulano. Magari sono io che ho il gonnellino di foglie di banana, ma a me non sembra di averne visti da queste parti…

  22. ag, vero! Il BelinCamp ci vuole, cos GattoNero che ancora in dubbio viene di sicuro!

    Questo commento è stato originariamente inviato suFriendFeed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website