Gran Canaria, Las Palmas

Tour nella capitale, Las Palmas dove, mi dicono, arrivano gli alisei carichi di umidita’ e quindi la temperatura e’ meno mite che al sud. Si stava, comunque, benissimo. Arrivando da sud si vede per prima la citta’ nuova. Che non colpisce particolarmente (albergoni, palazzoni) non fosse che per il bel lungomare che a me ha ricordato il Malecon dell’Avana (a parte che ormai sono cosi’ fissata con l’Avana che forse riuscirei a pensarci anche a Multedo.)
Visita a El Muelle, mega centro commerciale sul porto, identico a centinaia di altri centri commerciali ma con il plus di una bella vista mare. D’altronde alla mia domanda “Dove vanno i ragazzi a divertirsi di sera?” la risposta, triste ma prevedibile, e’ stata “nei centri commerciali” e quindi andiamo a vederli, no? Segue intervista con Sergio Alvarez, proprietario di un negozio di abbigliamento per surfisti, di una scuola di surf ed ex agente di viaggio che conosce l’isola come le sue tasche.
La parte davvero da non perdere, pero’, e’ quella del centro storico nella zona La Vegueta. Deliziosa. Vicoletti con ristoranti e taperie tipiche (consiglio una sosta a El Herreño), la bella piazza della cattedrale e il museo dedicato al concittadino del quale vado meno orgogliosa, Colombo (il museo, pero’, e’ molto bello; il portale di basalto verde basterebbe gia’ a metterlo tra i palazzi notevoli). Rientrando, sosta a Pozo Iquierdo, la spiaggia piu’ famosa per il windsurf, la Maui d’Europa, dove si devono allenare i campioni per avere qualche speranza. Il ristorante El Viento, con vetrate sulle onde, vale la visita.

Domani esploriamo il centro dell’isola. A presto.

6 thoughts on “Gran Canaria, Las Palmas

  1. vai meno orgogliosa del museo o di Colombo?
    e soprattutto perch ne vai meno orgogliosa?

  2. Quando hai finito di spassartela a Gran Canaria, potresti venire a visitare i centri commerciali friulani :-P

  3. Princy dice “hai fatto un po’ di surf?”
    come potrebbe??? non ha le scarpe adatte :D

  4. Non che sei andata al centro commerciale per andare a vedere i negozi di scarpe e magari hai fatto anche qualche danno che a breve ci presenterai?

  5. Luca: so che Colombo, di per se’, c’entra poco, ma il massacro degli indios che ha fatto seguito alla sua “scoperta” non mi riempie esattamente d’orgoglio.
    JilL: esatto, ho provato ma ho bucato la tavola con il tacco 12 e poi entrava l’acqua…
    Dania: tesoro, un invito a nozze (scherzi a parte, qui sembra esistano davvero solo quelli: allucinante)
    Sara: nessun danno per ora, ma in caso sarai la prima a saperlo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website