I siti femminili (visti dai giovani)

Quando lavori in un settore da anni, non vedi più parecchie cose. Storia vecchia: accumuli esperienza ma, a parte rari e felici casi, perdi la freschezza nell’osservazione. Nel mio caso, si parla di siti femminili. Ore e ore di brainstorming sul taglio editoriale, il colore della testata, il ricciolo sopra il titolo per poi scoprire che l’utente medio non trova dove loggarsi o non comprende la differenza fra forum e blog.
Per questo mi sono molto divertita quando mi hanno chiamato per una lezione al corso di Comunicazione e promozione editoriale online della Statale di Milano. Dopo un’oretta di teoria, per l’esercitazione pratica ho chiesto ai ragazzi, età media 22 anni, di comparare 4 grandi siti femminili – Donnamoderna.com, Elle.it, LeiWeb, Style.it. (E’ successo a metà maggio ma trovo il tempo di parlarne solo ora: dando una rapida occhiata, però, direi che le cose sono rimaste più o meno invariate). I ragazzi, nell’analisi, hanno usato tutti i parametri che conoscevano: usabilità, traffico, presenza (e tipo) di pubblicità, contenuti, community. Ne è uscito fuori un quadro interessante, a tratti ingenuo, irriverente il giusto, per molti versi sorprendente. C’è chi ha definito una homepage “caotica come la borsetta di una donna”, chi con stupore ha notato come la sezione dedicata al lavoro sia “scarna e discriminante”, chi ha segnalato l’invadenza estrema dei contenuti pubblicitari (scrivendo la temibile frase: “Spesso non si capisce se un elemento pubblicato è una pubblicità o un contenuto del sito”), chi invece si è dedicato alla community o alla relazione siti/testata cartacea.
Li trovo tutti commenti molto interessanti, soprattutto perché scritti da una generazione che si informa in modo molto diverso da noi (e per “noi” non intendo necessariamente gli addetti ai lavori ma i 30-40enni che non vivono sui socialcosi e comprano ancora il quotidiano. Ce ne sono, eccome, e forse converrebbe ricordarlo più spesso).
Per i ragazzi invece la testata, il “marchio” di una rivista ormai significa poco o nulla e in ogni caso non è più sinonimo di affidabilità. Quindi il loro sguardo è libero da condizionamenti generati dalla casa editrice e dal posizionamento sul mercato. Per questo secondo me è una lettura è interessante per gli addetti ai lavori, ma anche per i lettori. Infine, se avete bisogno di uno stagista, pensate a loro. Sono davvero bravi.
Tutti i commenti ai siti femminili li trovate qui.

12 thoughts on “I siti femminili (visti dai giovani)

  1. ciao B.
    posso farti una domanda da perfetta ignorante? cosa vuol dire “nessun tag.” che aggiungi da un po’ di tempo?
    sul contenuto di oggi non posso dir nulla, perch non il mio campo, non navigo in quelle acque :-))

  2. Ciao cara, non ti preoccupare, non richedeva commenti, era solo, come si dice? Divulgazione!
    Per i tag: da un po’ di giorni non mi funziona l’applicazione che gestisce i tag in fondo ai post. Non lo inserisco io, va su in automatico.

  3. (scrivendo la temibile frase: Spesso non si capisce se un elemento pubblicato una pubblicit o un contenuto del sito)

    E’ che a volte, soprattutto nei femminili, le due cose coincidono…. :-)

  4. Io invece ho notato che in tutti i siti editoriali (magazine e newspapers) non esiste alcuna sezione/area dedicata ai giovani 16-24 anni. Come se non esistessero.
    E poi ci meravigliamo che proprio quella fascia di et non frequenta/legge quotidiani online ma preferisce i social networking.
    La verit che chi scrive nelle redazioni ha un’et media di 45 anni ed completamente scollegata dalla realt dei giovani e, nello specifico, del mondo universitario.

    Io aspetto con fiducia il cambiamento generazionale. (che mi mander in pensione).

  5. bellissima la domanda qui sopra. :) dovrebbero farla leggere a tutti i progettisti web d’italia.

  6. Rossa, infatti il problema non la pubblicit, che cosa buona e giusta necessaria per sopravvivere: il problema , appunto, renderla chiaramente riconoscibile.
    Tillaus: purtroppo s, nonostante la tanto sbandierata “giovent” della rete, anche l chi ha il potere e i soldi per decidere giovane non affatto.
    confuso: la domanda sui tag? ;-)

  7. Un post molto interessante per chi come me over 45, un’autodidatta del web (ma anche una pioniera: divorziato nel 1997 causa nuova fidanzata – di lui – pescata in una chat) e si fa molte domande su cartaceo ed on line. Ma non che per caso i blog delle testate importanti campano (e attirano pubblicit) grazie ai commenti delle utenti? Che scrivono gratis…

  8. Io sono una “giovane” di 38 anni e i siti femminili li abooooorrro, cos come i giornali femminili.
    Troppa pubblicit, chiacchiere, gossip, consigli di bellezza che tutti sanno non funzionare e moda.
    Poco del resto.
    Non mi sono mai piaciuti.
    Mantengono un po’ lo stereotipo della donna che pensa solo a “profumi e balocchi”.
    Boh!
    (Elle, poi, lo giudico il peggiore: TUTTA pubblicit)
    Ho visto invece giornali stranieri che sono leggermente migliori.

  9. ciao, interessante il post. io sono una giovane 30 enne che vive di web e concordo con i ragazzi, spesso i siti delle testate giornalistiche femminili sono caotici e incomprensibili, gli spazi comunicativi vengono gestiti male e non sono ben definiti. questo porta secondo me ad un utente pi abituato alle rete e frequentarli poco o per niente. spero di vedere sviluppi e miglioramenti in questo settore in futuro.

  10. Mi stupisce che non venga segnalata (o venga segnalata poco), nelle recensioni, l’unica cosa che invece per me era importante (inizio a preoccuparmi per me…): la lentezza, enorme, di questi siti.
    Per una come me che usa Internet per lavoro, inaccettabile aspettare pi di 3 secondi per il caricamento di un sito.
    Tu cosa ne pensi? Credi che possa incidere?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website