La briglia

Uno dei cassetti del comò è mezzo aperto e vado a chiuderlo. nell’angolo in fondo del cassetto vedo la briglia che Holits aveva in mano quando è arrivato. Devono essersela scordata nella fretta. Ma forse no. Magari lui l’ha lasciata lì apposta.
«La briglia» dico. La tengo in alto accanto alla finestra e la guardo bene alla luce. Niente di particolare, è solo una vecchia briglia di cuoio scuro. Non è che me ne intenda tanto di briglie, io. Ma so che una parte si mette in bocca. Quella parte si chiama morso. È fatta d’acciaio. Le redini passano sopra la testa fino al punto in cui il cavaliere le tiene tra le dita, vicino al collo del cavallo. Il cavaliere tira le redini di qua o di là e il cavallo gira. È semplice.
Il morso è freddo e pesante. Se si è costretti a portare un affare del genere in mezzo ai denti, mi sa che s’impara subito il principio. Quando lo si sente tirare, si capisce che è arrivato il momento.
Si capisce che bisogna andare da qualche parte.

3 thoughts on “La briglia

  1. Aggiunto al mio carrello Ibs. Nn ho letto nulla di Carver ma questo pezzo un richiamo potente. Mi sa che mi sono persa qualcosa.

  2. Mi sa di s, ma vedo che stai gi colmando la lacuna. Fammi sapere cosa ne pensi, poi.

  3. Mi ero persa tanto, non qualcosa. Ordinato Principianti. Grazie di avermi dato lo stimolo per conoscere Carver!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website