Posta da un altro mondo

Post Si stava meglio quando si stava peggio

Alle Galapagos c’è un’isola che si chiama Floreana. Sull’isola, oltre ai meravigliosi animali, c’è la Bahìa del Correo o Post Office Bay. Una sorta di ufficio postale primitivo che nei secoli scorsi serviva ai marinai di passaggio per lasciare la corrispondenza diretta a casa. Chi si trovava a passare di lì prima di partire per l’Europa, guardava gli indirizzi, prendeva quelli più vicini alla sua destinazione e s’incaricava di recapitare le missive.

Semplice e ingegnoso.
Oggi la tradizione continua: c’è una botte di legno piena di firme e graffiti di turisti, con un sacchetto di plastica all’interno per scongiurare i danni da pioggia e tutti lasciano una cartolina, un messaggio, una lettera.

Lo facciamo anche noi: io addirittura non ho una cartolina ma piego in 4 un foglietto del Moleskine dove scrivo il diario di viaggio, metto il mio indirizzo di casa e via.

Ovviamente lo facciamo tutti con lo spirito del turista: fotografie, risate, “figurati se arriva” etc.

E invece.

E invece stasera, torno a casa dalla redazione et voilà,qualcuno non solo ha preso il mio message in a botte, se mi passate la citazione, ma non appena tornato in Italia ha comprato una busta e un francobollo e me lo ha spedito. Con tanto di bigliettino di accompagnamento.

Floreana, Galapagos-Segrate, Milano; meno di un mese, senza francobollo.

Io prima mi sono commossa un po’.

E poi ho pensato che dal 23 agosto un pacco che aspetto dagli Usa, urgentissimo perché contiene del materiale per scrivere un articolo, è bloccato alla Dogana di Milano, Ufficio Dazi.

Ho già mandato tutta la documentazione richiesta.

Ho sollecitato tutti i giorni.

Ho inviato 6 fax.

La risposta è sempre: ” I tempi sono lunghi”.

La prossima volta lo faccio mettere nella botte.

3 thoughts on “Posta da un altro mondo

  1. un pacco dagli usa? beh, magari stanno controllando che non ci sia carbonchio!

    bel post, m’ha fatto venir voglia di sudamerica.. grr!

    come va ba? ti chiamo presto!

    un bacio,

    beppe

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*
*
Website